notizia

Cos'è il tessuto in poliestere?

Scopri di più sul poliestere e sui suoi vantaggi e svantaggi per l'ambiente

Poliestere

Il poliestere è una categoria di polimeri che contiene un gruppo estere funzionale nella catena principale. Sebbene esistano molti tipi di poliestere, il termine viene solitamente utilizzato per riferirsi a polietilene tereftalato o PET. La sua composizione può essere naturale e sintetica, rendendo alcuni tipi biodegradabili, mentre la maggior parte dei poliesteri sintetici non lo sono.

La maggior parte dei tipi di poliestere sono termoplastici e hanno diverse applicazioni. La principale è la produzione di tessuti e maglieria utilizzati in camicie, pantaloni, lenzuola, tende, mobili e tappezzeria. Nell'abbigliamento, nonostante abbia un tocco artificiale rispetto agli abiti realizzati con fibre naturali, il tessuto in poliestere presenta alcuni vantaggi, come una maggiore durata, ritenzione del colore e resistenza alla rugosità. Per questi motivi, è molto comune mescolare fibre di poliestere con fibre naturali nella produzione di abbigliamento, garantendo caratteristiche combinate con il tessuto.

Oltre all'abbigliamento, il poliestere è ampiamente utilizzato come materia prima nella produzione di bottiglie di plastica (bottiglie in PET), film, filtri, vernice in polvere, rinforzi per pneumatici, materiale isolante, imbottiture, schermi LED, finiture di strumenti musical e molti altri prodotti. Tuttavia, il suo utilizzo ha impatti ambientali che vanno dalla sua produzione allo smaltimento. Nella produzione di poliestere vengono emessi composti organici volatili (COV) ed effluenti contenenti antimonio. E il suo utilizzo, corretto e non corretto smaltimento generano un materiale molto dannoso per l'uomo e gli animali, la microplastica.

Comprendere questi temi in modo più approfondito negli articoli: "Impatti ambientali delle fibre tessili e alternative" e "Ci sono microplastiche nel sale, nel cibo, nell'aria e nell'acqua".

Storia del poliestere

I chimici britannici John Rex Whinfield e James Tennant Dickson, dipendenti della Calico Printer's Association di Manchester (Inghilterra), brevettarono l'etilentereftalato (PET) nel 1941, con il supporto della ricerca di Wallace Carothers. Il PET è la base delle fibre sintetiche, come il poliestere. Whinfield e Dickson, insieme agli inventori WK Birtwhistle e CG Ritchiethey, hanno creato il primo poliestere chiamato terylene , nel 1941, dalla Imperial Chemical Industries (ICI). Subito dopo, Dupont lanciò nel 1951 il dacron , la seconda fibra di poliestere, sviluppata dall'acquisizione del copyright del terylene .

Negli anni '60, la produzione di fibre lavorate accelerò a causa della continua innovazione nel mercato, raggiungendo circa il 30% del consumo americano. Le nuove fibre rivoluzionarie offrivano comfort, si allentavano più facilmente, riuscivano ad essere più bianche, lucide di più ed erano più resistenti.

Oggi, il poliestere è ampiamente riconosciuto come un tessuto molto popolare. Con il progresso della tecnologia, la scoperta delle microfibre (che consentono al poliestere di avere un tatto più morbido, quasi come un tessuto di seta) e le varie possibili applicazioni di questo materiale, il poliestere è molto ben affermato nel mercato.

Raccolta differenziata

Nonostante siano a base di petrolio, un materiale non rinnovabile che provoca danni all'ambiente nel suo processo di estrazione, le fibre di poliestere hanno un grande vantaggio rispetto alle fibre naturali perché sono completamente riciclabili. Le magliette in poliestere che utilizzano bottiglie in PET come materiale di base oggi sono comuni (le grandi squadre di calcio usano questo materiale nelle loro uniformi). Questo processo di utilizzo delle bottiglie in PET per la produzione di tessuti in poliestere porta grandi vantaggi, come il non utilizzo di olio, una riduzione del 70% del dispendio energetico rispetto a quanto sarebbe necessario per la produzione di una fibra vergine, oltre a evitare che le bottiglie vengano gettate nell'ambiente. Il tessuto è inoltre riciclabile al 100% e può essere utilizzato anche al contrario nella produzione di bottiglie in PET.

Il video (in inglese) mostra il processo di produzione del poliestere da bottiglie in PET:

Il problema principale che riguarda il riciclo di questo materiale è nella miscela dei tessuti, poiché è comune vedere un capo con una percentuale di poliestere nella sua composizione insieme ad altre fibre. Questa miscela rende difficile separare il poliestere per riciclare il materiale, rendendo spesso il capo non riciclabile. Un altro problema è il costo: una fibra di poliestere riciclata è circa il 20% più costosa di una fibra vergine, oltre ad avere una qualità inferiore.

Problemi ambientali

Essendo a base di petrolio, la produzione di poliestere non è sostenibile, inoltre l'estrazione della materia prima provoca diversi danni all'ambiente. La produzione di poliestere utilizza grandi quantità di acqua per il raffreddamento, insieme a una grande quantità di sostanze chimiche nocive, come i lubrificanti, che possono diventare fonti di contaminazione se non curate. Anche il processo di produzione utilizza grandi quantità di energia. Il poliestere non è biodegradabile e può impiegare fino a 400 anni per decomporsi in natura.

Un altro problema ambientale che coinvolge il poliestere è la contaminazione tramite microplastiche (piccole particelle di plastica di diametro inferiore a un millimetro) che finiscono per allontanarsi dalle sue fibre e finire negli oceani, danneggiando gli ecosistemi. I piccoli animali si nutrono di plastica contaminata e, lungo la catena alimentare, finiscono per diffondere avvelenamenti all'uomo (scopri di più sui pericoli delle microplastiche).

In un recente studio, i ricercatori hanno scoperto che, con un semplice lavaggio, un indumento in poliestere può sciogliere fino a 1900 microfibre - e questi rifiuti vanno con l'acqua utilizzata nel lavaggio fino alla sua destinazione finale: corpi idrici e oceani. Si è inoltre scoperto che, tra i materiali prodotti dall'uomo che si trovano sulle coste oceaniche, circa l'85% è composto da microfibre compatibili con i materiali utilizzati nella fabbricazione delle fibre sintetiche. Oltre al problema delle microplastiche, gli altri impatti del poliestere sull'ambiente non sono noti con certezza. E il problema è che gran parte della superficie degli oceani è già contaminata da microplastiche.

Biologico o sintetico?

Sebbene le fibre naturali siano migliori per l'ambiente perché sono biodegradabili e prodotte con materie prime rinnovabili, la loro produzione in serie ha causato diversi impatti ambientali. La produzione di cotone è il più grande utilizzatore di pesticidi come pesticidi al mondo, utilizzando il 25% di tutto il consumo mondiale di pesticidi durante la coltivazione, portando a contaminazioni che causano la morte di migliaia di persone ogni anno. Inoltre, si stima che circa i due terzi dell'impronta di carbonio generata durante la produzione di un indumento saranno ancora emessi dopo la sua vendita.

Nella realtà odierna, siamo molto lontani da un sistema di abbigliamento sostenibile. Non si è ancora capito che il materiale nella fibra è solo una parte dell'impatto generato da questo settore. Si stima che dal 20% al 50% dell'impronta ecologica di un indumento provenga dal trasporto, dalla distribuzione e dallo smaltimento del materiale.

Poiché entrambi i tipi di materie prime hanno un grande impatto, è necessario cercare le migliori alternative. L'uso di fibre organiche più rispettose dell'ambiente, come il cotone biologico, tende ad essere migliore per non utilizzare sostanze chimiche nella loro produzione, non inquinando l'ambiente. Anche altre fibre organiche alternative, come i tessuti a base di soia e bambù, sono già sul mercato, nonostante abbiano un volume molto basso. Nelle fibre sintetiche, le magliette in PET riciclato sono una buona opzione, hanno una buona durata e riducono notevolmente l'ambiente rispetto a quelle prodotte in modo convenzionale.


Original text