notizia

Data: vantaggi scientificamente provati

Il consumo di datteri fa bene alla salute. Comprendi i suoi benefici e aggiungi questo frutto al menu

Data

Il dattero è un frutto che cresce nella palma da dattero, una palma coltivata da millenni. La sua origine è sconosciuta, ma si ritiene che abbia avuto origine nel Nord Africa o nel sud-est asiatico. La palma da dattero ha un'elevata diversità di consistenza, forma, colore e composizione chimica, a seconda del genotipo, dell'ambiente, della stagione e delle pratiche di coltivazione. I benefici del dattero lo rendono un alimento molto salutare. Oltre ad essere apprezzato in cucina per il suo sapore delizioso, è un frutto sostitutivo naturale del caramello. Scopri i vantaggi dei datteri e perché è una buona idea aggiungere questo frutto al tuo menu.

Vantaggi della data

Una revisione degli studi, pubblicata sull'International Journal of Food and Nutritional Sciences , ha concluso che la data è un frutto con benefici nutrizionali, sanitari e socioeconomici. La revisione ha concluso che la data contiene antociani, fenoli, steroli, carotenoidi, procianidine e flavonoidi, composti noti per avere molteplici effetti benefici sulla salute. Questi composti aiutano ad eliminare i radicali liberi, hanno proprietà antiossidanti, antimutagene, antimicrobiche, antinfiammatorie, gastroprotettive, epatoprotettive, nefroprotettive, antitumorali, antiulcera e immunostimolanti.

Data

L'immagine modificata e ridimensionata di Boba Jaglicic è disponibile su Unsplash

Fonte di nutrienti

Il dattero è un'ottima fonte di nutrienti. Anche se i datteri secchi sono più calorici dei datteri freschi, avendo un profilo simile a quello dell'uvetta secca e dei fichi; contengono alcune importanti vitamine e minerali, oltre a una notevole quantità di fibre.

  • Gli alimenti ricchi di fibre combattono il diabete e il colesterolo alto
Una porzione da 100 grammi di datteri essiccati fornisce i seguenti nutrienti:
  • Calorie: 277 kcal
  • Carboidrati: 75 grammi
  • Fibra: 7 grammi
  • Proteine: 2 grammi
  • Potassio: 20% della dose giornaliera raccomandata (IDR)
  • Magnesio: 14% della RDI
  • Rame: 18% di IDR
  • Manganese: 15% di IDR
  • Ferro: 5% di IDR
  • Vitamina B6: 12% della RDI

Fonte di fibre

La presenza di quasi sette grammi di fibra in ogni porzione di dattero da 100 grammi è un buon motivo per sceglierlo come una delle tue fonti di fibra. La fibra può giovare alla salute dell'apparato digerente, prevenendo la stitichezza e promuovendo i movimenti intestinali regolari, che contribuisce alla formazione delle feci.

  • Cos'è la stitichezza?

In uno studio, 21 persone che hanno consumato sette datteri al giorno per 21 giorni hanno sperimentato miglioramenti nelle feci e hanno avuto un aumento significativo dei movimenti intestinali rispetto al periodo in cui non mangiavano datteri.

Inoltre, la fibra presente nei datteri può essere utile per controllare lo zucchero nel sangue, poiché rallenta la digestione e aiuta a prevenire che i livelli di zucchero nel sangue aumentino troppo rapidamente dopo aver mangiato.

Fonte di antiossidanti

Data

L'immagine modificata e ridimensionata di Mona Mok è disponibile su Unsplash

Il dattero è anche ricco di antiossidanti. Gli antiossidanti proteggono le cellule dai radicali liberi, molecole instabili che possono causare reazioni dannose nel tuo corpo e portare a malattie.

Rispetto a tipi di frutta simili, come i fichi e le prugne, i datteri secchi hanno una quantità maggiore di antiossidanti.

  • Antiossidanti: cosa sono e in quali alimenti trovarli
  • Cosa sono i radicali liberi?

Buono per il cervello

Studi di laboratorio hanno concluso che il consumo di datteri è utile per ridurre i marker infiammatori, come l'interleuchina 6 (IL-6), nel cervello. Alti livelli di IL-6 sono associati ad un aumentato rischio di malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer (vedi studi su 1, 2 qui).

Inoltre, studi sugli animali hanno dimostrato che il consumo di datteri è utile per ridurre l'attività delle proteine ​​beta-amiloidi, che possono formare placche dannose nel cervello.

Quando le placche si accumulano nel cervello, possono interrompere la comunicazione tra le cellule cerebrali, il che può portare alla morte dei neuroni e al morbo di Alzheimer (vedi studio qui: 3).

Un altro studio sugli animali ha scoperto che i topi alimentati con razioni contenenti datteri avevano una memoria e una capacità di apprendimento significativamente migliori, nonché meno comportamenti legati all'ansia, rispetto a quelli che non consumavano.

I benefici della data per il cervello sono stati collegati agli antiossidanti nella frutta, noti per ridurre l'infiammazione.

Tuttavia, sono necessari studi sull'uomo per confermare i benefici della data per la salute del cervello.

Data in gravidanza

La data ha il potenziale per promuovere e facilitare la nascita naturale tardiva. Mangiare datteri nelle ultime settimane di gravidanza può favorire la dilatazione cervicale e ridurre la necessità di travaglio indotto. Il frutto può anche essere utile per ridurre il tempo di lavoro, secondo uno studio.

In un altro studio, 69 donne che hanno consumato sei unità di data al giorno per quattro settimane prima della data di consegna ideale avevano il 20% in più di probabilità di entrare in travaglio naturalmente ed erano in travaglio per un tempo significativamente inferiore rispetto alle donne incinte che non li consumava.

Un altro studio su 154 donne incinte ha scoperto che coloro che mangiavano datteri avevano molte meno probabilità di avere un travaglio indotto rispetto a coloro che non lo facevano.

Un quarto studio ha trovato risultati simili in 91 donne incinte che hanno consumato da 70 a 76 grammi di dattero al giorno dalla 37a settimana di gravidanza. Avevano quattro ore di travaglio in meno rispetto a coloro che non mangiavano datteri.

Dolcificante naturale

La data è una fonte di fruttosio, un tipo naturale di zucchero.

Per questo motivo, il dattero è molto dolce e ha un sottile sapore simile al caramello. Sono ottimi sostituti dello zucchero bianco nelle ricette, grazie ai nutrienti, alle fibre e agli antiossidanti che forniscono.