notizia

Come eliminare la forfora con un rimedio casalingo

Se stai evitando i prodotti sintetici, controlla otto rimedi casalinghi per eliminare la forfora

come eliminare la forfora

Immagine modificata e ridimensionata da Kal Visuals, disponibile su Unsplash

Come eliminare la forfora è una ricerca frequente, poiché questo problema colpisce fino al 50% delle persone. Tutto inizia con un prurito al cuoio capelluto e desquamazione. Ma la forfora può anche mostrare altri sintomi come macchie di grasso sul cuoio capelluto e formicolio sulla pelle.

I problemi legati alla forfora comprendono la pelle secca, la dermatite seborroica, la sensibilità ai prodotti per capelli e la crescita di un tipo specifico di fungo che vive sul cuoio capelluto (controlla qui per gli studi su: 1, 2).

Se stai evitando i prodotti sintetici, controlla otto opzioni di rimedi casalinghi per fermare la forfora:

1. Olio essenziale di melaleuca

Tradizionalmente l'olio essenziale di melaleuca è stato utilizzato per curare di tutto, dall'acne alla psoriasi.
  • 18 rimedi casalinghi per il brufolo

Secondo uno studio pubblicato sulla piattaforma PubMed , l'olio essenziale di melaleuca ha proprietà antimicrobiche e antinfiammatorie, che possono aiutare ad alleviare i sintomi della forfora.

Un altro studio ha dimostrato che l'olio essenziale dell'albero del tè ha la proprietà di combattere il ceppo specifico del fungo che può causare sia la dermatite seborroica che la forfora.

Un'analisi di quattro settimane ha mostrato che il 41% delle persone con forfora trattate con shampoo contenente il 5% di olio essenziale di melaleuca ha mostrato un miglioramento dei sintomi.

Ma se stai pensando di applicare l'olio essenziale di melaleuca, esegui il test allergologico sul fondo dell'avambraccio. Se senti irritazione con poche gocce, rimuovila con olio di cocco, olio di semi d'uva, olio di mandorle o un altro olio neutro come l'olio d'oliva.

  • Olio di semi d'uva: vantaggi e modalità d'uso
  • Olio di mandorle dolci: benefici per la bellezza e la salute

Puoi usare l'olio di cocco come olio vettore applicando cinque gocce di olio essenziale di melaleuca in un cucchiaio di olio di cocco.

Scopri ulteriori vantaggi dell'olio essenziale di melaleuca nell'articolo: "Olio di melaleuca: a cosa serve?".

2. Olio di cocco

Ben noto per i suoi molteplici benefici per la salute, l'olio di cocco può anche essere usato come rimedio casalingo per fermare la forfora.

L'olio di cocco può aiutare a migliorare l'idratazione della pelle e prevenire la secchezza, che peggiora la forfora.

Uno studio su 34 persone ha dimostrato che l'olio di cocco era efficace quanto l'olio minerale nel migliorare l'idratazione della pelle.

Altre ricerche hanno scoperto che l'olio di cocco può aiutare a curare l'eczema, una condizione della pelle che può contribuire alla comparsa della forfora.

I risultati dello studio hanno mostrato che l'applicazione di olio di cocco sulla pelle per otto settimane ha ridotto i sintomi dell'eczema del 68%, rispetto a solo il 38% del gruppo che ha utilizzato olio minerale.

L'olio di cocco ha anche proprietà antimicrobiche, sebbene non siano stati esaminati gli effetti sui funghi che causano la forfora (controlla gli studi qui: 2, 3).

  • Olio di cocco nei capelli: vantaggi e modalità di utilizzo

3. Aloe Vera

L'aloe vera , chiamata anche aloe vera , è una pianta che si trova frequentemente nella composizione di unguenti, cosmetici e lozioni.

Quando applicato sulla pelle, aiuta a trattare i problemi della pelle come ustioni, psoriasi e herpes labiale (guarda lo studio qui: 4).

Secondo una recensione, l' Aloe vera ha proprietà antibatteriche e antimicotiche che aiutano a fermare la forfora.

Altri hanno scoperto che l'aloe vera è efficace contro diverse specie di funghi, può aiutare a controllare le infezioni fungine che causano la caduta dei capelli e combattere l'infiammazione (controlla gli studi qui: 5, 6).

4. Evita lo stress

Si ritiene che lo stress abbia un impatto su molti aspetti della salute e del benessere e possa influenzare dalle condizioni croniche alla salute mentale (vedi studio qui: 7).

Sebbene lo stress di per sé non causi la forfora, può aggravare sintomi come secchezza e prurito (controlla lo studio qui: 8).

Trascorrere lo stress a lungo termine può sopprimere l'attività del sistema immunitario (vedi studio qui: 9).

Un sistema immunitario indebolito può ridurre la capacità del corpo di combattere alcune infezioni fungine e malattie della pelle che contribuiscono alla forfora.

Uno studio su 82 persone con dermatite seborroica, una delle cause più comuni di forfora, ha dimostrato che la maggior parte degli episodi di dermatite erano preceduti da un evento di vita stressante.

Per ridurre i livelli di stress, prova alcune tecniche come la meditazione, lo yoga, la respirazione profonda o l'aromaterapia.

  • Cos'è l'aromaterapia e quali sono i suoi benefici?
  • Respirazione Pranayama: la tecnica yoga può essere molto utile
  • Yoga: la tecnica antica ha dimostrato benefici

5. Aceto di mele

L'aceto di mele è stato associato a una serie di benefici per la salute, tra cui il miglioramento della sensibilità all'insulina e il dimagrimento (vedi studi qui: 10, 11).

  • Aceto: un insolito alleato per le pulizie di casa
  • Aceto bianco: 20 utilizzi sorprendenti
  • Nove modi per non usare l'aceto per la pulizia
  • 12 vantaggi dell'aceto di mele e come usarlo
  • Benefici dell'aceto di cocco
Ma può anche aiutare a fermare la forfora, poiché riequilibra il pH della pelle riducendo la crescita dei funghi (controlla gli studi qui: 12, 13).

6. Omega 3

Gli acidi grassi Omega 3 svolgono un ruolo importante nel corpo. Sono fondamentali per il funzionamento del cuore, del sistema immunitario, dei polmoni e aiutano a idratare la pelle, contribuendo alla guarigione delle ferite e prevenendo l'invecchiamento precoce (vedi qui studi su 14, 15).

Una carenza di acidi grassi omega-3 può causare una serie di sintomi, tra cui capelli secchi, pelle secca e persino forfora (vedi studio qui: 16).

Gli acidi grassi omega-3 possono anche ridurre l'infiammazione, che può aiutare ad alleviare l'irritazione e ad eliminare la forfora (vedi studio qui: 17).

Gli alimenti ricchi di omega-3, come i semi di lino, i semi di chia e le noci sono fonti di omega-3. Scopri quali sono gli alimenti ricchi di omega-3 nell'articolo: "Alimenti ricchi di omega 3, 6 e 9: esempi e benefici". Ma attenzione, troppi omega 3 possono essere dannosi.

7. Probiotici

I probiotici sono microrganismi benefici per la salute, proteggono il corpo dalle allergie, dai livelli di colesterolo alto e dall'obesità (controlla qui per gli studi: 18, 19).

Possono anche aiutare a migliorare la funzione immunitaria, che può contribuire a porre fine alle infezioni fungine che causano la forfora (vedi studio qui: 20).

Uno studio ha dimostrato che l'assunzione di probiotici per 56 giorni ha ridotto significativamente la gravità della forfora in 60 persone.

È stato anche dimostrato che i probiotici aiutano a ridurre i sintomi delle malattie della pelle, come l'eczema e la dermatite, specialmente nei neonati e nei bambini (vedi studi qui: 21, 22, 23).

I probiotici sono disponibili in forma di integratore, ma l'ideale è ottenerli attraverso alimenti probiotici come kombucha, kimchi, tempeh, crauti e natto. Scopri di più su di loro nell'articolo: "Cosa sono gli alimenti probiotici?".

8. Bicarbonato di sodio

Si ritiene che il bicarbonato di sodio agisca come un leggero esfoliante rimuovendo le cellule morte della pelle, desquamazione e prurito. Ha anche proprietà antifungine che possono aiutare a fermare la forfora.

Uno studio ha dimostrato che il bicarbonato di sodio ha inibito completamente la crescita dei funghi nel 79% dei campioni dopo sette giorni.

Un altro studio, che ha esaminato gli effetti del bicarbonato di sodio in 31 persone con psoriasi, ha dimostrato che ha ridotto significativamente il prurito e l'irritazione dopo tre settimane.

Per saperne di più sui vantaggi e su come non utilizzare il bicarbonato di sodio, dai un'occhiata agli articoli: "I vari usi del bicarbonato di sodio" e "Sei usi scorretti del bicarbonato di sodio".