notizia

Cosa sono i pesticidi?

Dopo tutto, cosa sono i pesticidi e come possono influenzare piante, esseri umani e altri esseri viventi?

Applicazione di pesticidi

I pesticidi sono apparsi nella seconda guerra mondiale, con lo scopo di funzionare come un'arma chimica. Con il dopoguerra il prodotto iniziò ad essere utilizzato come pesticida agricolo, noto anche come pesticida, pesticida o prodotto fitosanitario. Nella legislazione brasiliana, il termine usato è pesticida, nonostante i tentativi di cambiarlo.

Dagli anni Cinquanta, con la cosiddetta "Rivoluzione Verde", la produzione agricola ha subito molti cambiamenti. Il processo agricolo è stato modernizzato attraverso la ricerca sulle sementi, la concimazione del suolo e l'uso di macchine sul campo. Tutto questo per aumentare la produttività. Gran parte di questa tecnologia ha comportato anche l'uso diffuso di pesticidi, al fine di controllare i parassiti in modo da non avere perdite nel processo agricolo, poiché i pesticidi hanno la funzione di alterare la composizione della fauna e della flora.

Secondo la legge n. 7,802 / 89, "i pesticidi sono prodotti chimici, destinati ad essere utilizzati nei settori della produzione, nello stoccaggio e nella lavorazione di prodotti agricoli, nei pascoli, nella protezione delle foreste, autoctone o impiantate, e in altri ecosistemi e anche di ambienti urbani, idrici e industriali, il cui scopo è modificare la composizione della fauna o della flora, al fine di preservarli dall'azione dannosa degli esseri viventi considerati nocivi, nonché sostanze e prodotti utilizzati come defolianti, essiccanti, stimolanti e inibitori della crescita " . Anche i regolatori della crescita sono considerati pesticidi.

Tipi di pesticidi:

  • Fungicidi (colpisce i funghi);
  • Erbicidi (raggiungere le piante);
  • Insetticidi (raggiungono gli insetti);
  • Acaricidi (raggiungono gli acari);
  • Rodenticidi (raggiungere i roditori).

Esistono altri tipi di pesticidi specifici per scopi diversi, come il controllo di larve, formiche, batteri e molluschi, tra gli altri. Possono anche essere associati alla modalità di azione (tramite contatto o ingestione, ad esempio).

Il motivo principale di preoccupazione per l'uso (principalmente l'abuso) dei pesticidi è il semplice fatto che non colpiscono solo alcune specie dannose per una piantagione, ma anche altri esseri viventi, come api, lombrichi, altre piante e anche gli esseri umani.

Pericoli per la salute umana

La maggior parte dei casi di avvelenamento da pesticidi è dovuta alla mancanza di controllo sull'uso di queste sostanze tossiche e alla mancanza di consapevolezza della popolazione sui rischi causati alla salute umana. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), per ogni caso segnalato di avvelenamento da pesticidi, altri 50 non vengono segnalati.

L'intossicazione può avvenire direttamente (attraverso il contatto diretto, la manipolazione, l'applicazione, tra gli altri) o indirettamente (attraverso l'ingestione di cibo o acqua contaminati). L'azione dei pesticidi sulla salute umana è solitamente dannosa, addirittura fatale.

Secondo l'Hospital Israelita Albert Einstein, le intossicazioni e gli avvelenamenti sono causati dall'ingestione, dall'aspirazione e dall'introduzione nel corpo, accidentalmente o meno, di sostanze tossiche di diversa natura. Possono provocare malattie gravi o morte entro poche ore se la vittima non viene soccorsa in tempo.

I tipi di avvelenamento da pesticidi sono:

Acuto

Quando la vittima è esposta a dosi elevate di pesticidi. I sintomi sono quasi immediati o richiedono alcune ore per manifestarsi, vale a dire: mal di testa, nausea, sudorazione, crampi, vomito, diarrea, irritazione degli occhi e della pelle, difficoltà respiratorie, visione offuscata, tremori, aritmie cardiache, convulsioni, coma e la morte.

Cronaca

Quando la vittima è esposta a dosi inferiori di pesticidi per un lungo periodo di tempo (mesi o anni). Questo tipo di avvelenamento da pesticidi può avere gravi conseguenze, come: paralisi, sterilità, aborti, cancro, danni allo sviluppo dei feti, tra gli altri.

È importante notare che sintomi non specifici, come mal di testa, vertigini, mancanza di appetito, nervosismo e difficoltà a dormire, possono essere associati a diverse malattie e sono spesso le uniche manifestazioni di avvelenamento da pesticidi, motivo per cui purtroppo fa una diagnosi accurata di questo tipo di avvelenamento raro.

Pesticidi negli alimenti

La frutta e la verdura esposte e reperibili nei mercati hanno una "faccia" bella e attraente, ma non commettete errori: possono nascondere nella loro pelle una pellicola di residui di antiparassitari utilizzati in agricoltura.

Campioni di alimenti con residui di pesticidi

Un'indagine condotta dalla National Health Surveillance Agency (Anvisa) ha rilevato la presenza di organofosfati (uno dei tipi più comuni di pesticidi, usati come acaricidi, fungicidi, battericidi e insetticidi, tra gli altri) in più della metà dei campioni alimentari osservati - essendo che questi composti possono compromettere il sistema nervoso e causare problemi cardiorespiratori. Lo studio evidenzia anche che le malattie croniche non trasmissibili (quelle innescate dalla contaminazione da pesticidi) sono oggi un grave problema di salute pubblica.

Nel 2008, 57 milioni di morti sono state dichiarate nel mondo e (sorprendentemente) il 63% di loro sono state dovute all'azione dei pesticidi, secondo l'OMS. I pesticidi sono anche responsabili del 45,9% delle malattie in tutto il mondo.

L'ideale sarebbe consumare solo alimenti coltivati ​​con fertilizzanti organici, che utilizzano il controllo biologico dei parassiti. Sei curioso di sapere come ottenere cibo senza pesticidi? Consulta gli articoli "Cos'è l'agricoltura biologica?" e "Orto biologico: otto passaggi per crearne uno tuo".

Pesticidi e ambiente

I pesticidi, indipendentemente dalla forma di utilizzo, hanno un grande potenziale per raggiungere il suolo e le falde acquifere, soprattutto in presenza di venti e piogge, che ne facilitano l'arrivo, qualunque sia il loro percorso, raggiungendo l'umanità e gli altri esseri viventi.

La maggior parte dei pesticidi è bioaccumulabile, cioè se un animale infetto muore e un altro si nutre di esso, sarà anche contaminato. Questo perché il composto rimane nel corpo dell'animale dopo la sua morte, portando così ad una maggiore estensione del problema.

Queste sostanze possono causare diversi danni all'ambiente, poiché subiscono processi chimici, fisici e biologici, che portano alla modifica delle loro proprietà e influenzano il loro comportamento. I pesticidi sono classificati per colore, in base al loro potenziale di contaminazione:

Classificazione tossicologica

Un pesticida a strisce rosse comporta rischi anche a bassa esposizione, sia per il tempo che per il dosaggio. La cintura verde porta anche dei rischi, ma soprattutto se l'esposizione ad essa è prolungata o in dosi elevate. È importante notare che la classificazione di cui sopra non dice nulla sugli effetti a lungo termine, né sulla relazione tra pesticidi e ambiente.

Pesticidi in Brasile

Il Brasile è il maggior consumatore di pesticidi al mondo. Tuttavia, nella classifica dei pesticidi applicati dagli alimenti prodotti, è al sesto posto. Il fatto che siamo il maggior consumatore è dovuto al fatto che utilizziamo ancora pesticidi già vietati nel 1985 nell'Unione Europea, in Canada e negli Stati Uniti, perché i semi migliorati erano preparati a ricevere questo tipo di prodotto, per una maggiore e migliore produttività, a causa della mancanza di Rigorosa ispezione, con prodotti lanciati per via aerea (aeroplani) vicino a sorgenti di fiumi, animali e case, per non parlare della mancanza di consapevolezza tra la popolazione. Poiché il Brasile è un paese tropicale, l'incidenza di parassiti e malattie è maggiore che in altri paesi, il che stimola anche la grande quantità di pesticidi utilizzati nel paese.

Anvisa fornisce elenchi di pesticidi rilasciati per l'uso in Brasile e di quelli vietati. Nel 2019, il numero di pesticidi rilasciati per l'uso in Brasile è cresciuto in modo allarmante e un'analisi dei dati del Ministero della Salute indica che una città brasiliana su quattro consuma acqua contaminata da pesticidi.

Alternative

L'alternativa più efficace per evitare i rischi dei pesticidi per l'uomo e l'ambiente è evitarli o addirittura non utilizzarli. Ciò può essere reso possibile con l'adozione di pratiche alternative, come la policoltura (che inibisce la proliferazione di parassiti e malattie), l'eliminazione delle erbe infestanti, l'uso di trappole e controlli biologici (come l'inserimento di predatori naturali dei parassiti).

L'agricoltura biologica, che mira ad avvicinare la produzione agricola ai processi ecologici naturali, non ammette i pesticidi, tranne quelli naturali. Pertanto, è meglio per la salute dell'agricoltore e del consumatore e per l'ambiente in generale. Questa pratica promuove anche il risparmio di acqua, carburante, risorse finanziarie per il produttore, tra gli altri.