notizia

Cos'è la sostenibilità: concetti, definizioni ed esempi

Comprendere di più sul "percorso" per la creazione del concetto di sostenibilità

Sostenibilità

Foto di annca da Pixabay

La parola sostenibilità deriva dal latino sustentare , che significa sostenere, difendere, favorire, sostenere, conservare e / o curare. L'attuale concetto di sostenibilità è nato a Stoccolma, in Svezia, alla Conferenza delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (Unche), che si è svolta tra il 5 e il 16 giugno 1972.

La Conferenza di Stoccolma, la prima conferenza sull'ambiente tenuta dall'ONU (Nazioni Unite), ha richiamato l'attenzione internazionale principalmente sulle questioni legate al degrado ambientale e all'inquinamento.

Successivamente, nel 1992, alla Conferenza sull'ambiente e lo sviluppo (Eco-92 o Rio-92), svoltasi a Rio de Janeiro, si è consolidato il concetto di sviluppo sostenibile; che finì per essere inteso come sviluppo a lungo termine, in modo che le risorse naturali utilizzate dall'umanità non si esaurissero.

Eco-92 ha dato vita anche all'Agenda 21, un documento che ha stabilito l'importanza dell'impegno di tutti i paesi per la soluzione dei problemi socio-ambientali. L'Agenda 21 ha portato riflessioni sulla pianificazione partecipativa a livello globale, nazionale e locale; e il suo obiettivo era stimolare la creazione di una nuova organizzazione economica e civilizzatrice.

L'Agenda 21, in particolare in Brasile, ha come azioni prioritarie i programmi di inclusione sociale (inclusa la distribuzione del reddito, l'accesso alla salute e all'istruzione) e lo sviluppo sostenibile (inclusa la sostenibilità urbana e rurale; conservazione delle risorse naturali e minerali, etica e politica per la pianificazione).

Queste azioni prioritarie sono state rafforzate nel 2002, in occasione del Johannesburg Earth Summit sullo sviluppo sostenibile, che ha suggerito una maggiore integrazione tra le dimensioni sociale, economica e ambientale attraverso programmi e politiche incentrati sulle questioni sociali e, in particolare, i sistemi di protezione Sociale.

Da allora, il termine "sostenibilità" è stato incorporato nei media politici, economici e di massa delle organizzazioni della società civile.

  • Cos'è l'economia?

Tuttavia, coloro che usano il termine "sostenibilità" non sembrano comprendere le cause dell'insostenibilità. Questo perché lo sviluppo dei paesi continua a essere misurato attraverso la crescita perpetua della produzione, che avviene attraverso lo sfruttamento delle risorse naturali. In contrasto con questo paradigma, è nata la proposta di decrescita economica. Accanto a questo dibattito, altre visioni competono per posizionarsi secondo la sostenibilità. Ne sono un esempio le economie solidali, circolari, creative e rigenerative.

Perché la sostenibilità?

La preoccupazione per la sostenibilità, o per meglio dire, l'uso consapevole delle risorse naturali, nuove alternative e azioni in relazione al pianeta e le implicazioni per il benessere collettivo sono in evidenza come mai prima d'ora. Il tempo lontano, in cui subiremmo gli svantaggi dell'uso irrazionale delle risorse naturali, è già qualcosa di concreto e non più una trama di libri di fantascienza. Ora, il problema è presente nella nostra vita quotidiana, nelle scuole, nelle organizzazioni, nelle aziende e per le strade delle nostre città.

  • Quali sono i limiti planetari?

Lo squilibrio causato da un'incoscienza ambientale è un problema del presente, ma la sua origine risale all'antichità. La presunta superiorità della nostra specie e un'errata interpretazione della cultura come qualcosa di superiore alla natura è una delle basi della nostra civiltà e deve essere discussa affinché sia ​​possibile pensare a nuovi percorsi per la nostra economia, società e cultura, al fine di garantire la continuità del esistenza della nostra specie sul pianeta Terra.

Fonti del problema

I resoconti della "battaglia dell'umanità contro la natura" sono stati presenti sin dalle prime civiltà. Diamo un'occhiata all'esempio della grande epopea di Gilgamesh, un testo dell'antica Mesopotamia, datato circa 4700 a.C. Nel suo studio, Estela Ferreira ci mostra come questa narrazione sia un'indicazione dell'emergere dell'antagonismo della scissione tra civiltà e natura, nel mezzo del pensiero occidentale. La lotta di Gilgamesh contro Humbaba, il guardiano della foresta, simboleggia la presunta "vittoria" dell'umanità contro il mondo naturale, che ha permeato tutta la nostra storia ed è ancora nell'architettura delle nostre città, nei nostri standard nutrizionali e nelle nostre attività di routine .

All'inizio dell'età contemporanea, la rivoluzione industriale e i progressi tecnologici hanno fornito lo sfruttamento delle risorse naturali su una scala mai vista prima. Tutta l'innovazione avvenuta in questo periodo ha generato la necessità di estrarre risorse come petrolio e rame in quantità sistematica e consistente. Questo cambiamento tecnologico è stato responsabile dei miglioramenti e della crescita economica, ma anche i principali problemi derivavano dalla mancanza di un senso di responsabilità riguardo alla necessità di una crescita ecologicamente sostenibile e socialmente equa.

Immersi nella mentalità del tempo, gli inglesi vedevano l'inquinamento delle fabbriche come caratteristico di una civiltà vittoriosa e prospera, e come dicevano ai tempi della Seconda Rivoluzione Industriale, "dove c'è inquinamento c'è progresso" - senza rendersi conto dei possibili effetti collaterali del modello industriale , segnato dalla disuguaglianza sociale e dalle terribili condizioni di vita dei lavoratori, il che rende la questione più complessa.

L'andamento del dibattito

Negli anni Sessanta e Settanta sono iniziate grandi riflessioni sui danni causati all'ambiente, generando i primi sforzi di una coscienza ecologica. A poco a poco, il tema non è più una stranezza per gruppi specifici e diventa una sfida globale. Il lancio del libro "A Silent Spring" (1962), di Rachel Carson, diventa uno dei primi bestseller sul tema ambientale e segna l'innovazione dell'allerta sull'uso indiscriminato dei pesticidi.

  • Glifosato: erbicida ampiamente utilizzato può causare malattie mortali

Allo stesso tempo, c'è stata la prima apparizione del concetto di sviluppo sostenibile, seguito dall'ECO 92 e dalle sue 21 proposte. Questi eventi hanno fornito un progresso nella discussione sulla questione ambientale in diversi ambiti della società.

Sostenibilità e le nostre attitudini

I problemi da affrontare sono tanto negli atteggiamenti imprenditoriali e governativi quanto nelle nostre scelte quotidiane. La sostenibilità è un concetto legato alla vita in più aree, cioè è qualcosa di sistemico. La posta in gioco è la continuità della società umana, le sue attività economiche, i suoi aspetti culturali e sociali e, ovviamente, ambientali.

In questo senso, il concetto di sviluppo sostenibile propone un nuovo modo di vivere. È un nuovo modo di configurare la vita umana, cercando che le società possano soddisfare i bisogni ed esprimere il loro potenziale. Come mostra il pensatore Henrique Rattner, il concetto di sostenibilità "non riguarda solo la spiegazione della realtà, richiede la prova della coerenza logica nelle applicazioni pratiche, dove il discorso si trasforma in realtà oggettiva".

Il passaggio a questo nuovo modello sostenibile non avverrà di certo in modo repentino. Come abbiamo già visto, ci sono voluti anni di storia fino alla formazione del sistema attuale, che ha generato cattive abitudini radicate nella nostra società. Ma non c'è bisogno di pessimismo: c'è chi dice che il graduale adattamento sia già in atto. Il funzionamento della società dei consumi può cessare di essere predatorio e irrilevante per investire in soluzioni basate sull'innovazione, come ad esempio la tendenza a utilizzare l' ecodesign . Tuttavia, vale la pena ricordare che il cambiamento del comportamento è il modo principale per contribuire alla sostenibilità.

Storia delle cose, documentario che mostra il modello di consumo nel mondo di oggi