notizia

A cosa serve il balsamo?

I benefici del balsamo sono scientificamente provati

balsamo

Immagine: Messico, area di Santa Catarina Lachatao di yakovlev.alexey è concesso in licenza con CC-BY-SA-2.0

Il balsamo, scientificamente chiamato Sedum dendroideum , è una pianta succulenta ben nota per le sue proprietà medicinali e per il suo utilizzo come pianta ornamentale. Il balsamo cresce bene in terreni sabbiosi, arricchiti di humus e che ricevono pieno sole o mezz'ombra. Richiede annaffiature settimanali durante l'estate e la primavera e annaffiature mensili durante l'autunno e l'inverno.

Essendo una succulenta, il balsamo è sensibile ai ristagni idrici e molto resistente alla siccità, tollerando anche il gelo. Il balsamo può essere piantato tagliando i rami e le foglie e dai germogli.

Il balsamo è stato tradizionalmente utilizzato per curare le malattie e alcuni studi hanno confermato la sua efficacia. Check-out:

A cosa serve il balsamo?

balsamo

Immagine: Sedum dendroideum, muséum de Toulouse di Léna è concesso in licenza con CC-BY-SA-2.0

Tratta il dolore e l'infiammazione

Secondo uno studio pubblicato dalla rivista Elsevier , i glicosidi kaempferol presenti nel balsamo potrebbero essere responsabili dell'uso medicinale della pianta. Lo studio ha testato gli effetti della sostanza sui ratti e ha concluso che il balsamo ha proprietà contro il dolore e l'infiammazione.

Possiede un potenziale antidiabetico

Uno studio pubblicato dall'International Union of Biochemistry and Molecular Biology ha valutato il potenziale antidiabetico di un estratto di foglie di balsamo nei ratti. La conclusione dello studio ha mostrato che un tipo di flavonoide presente nel balsamo riduceva la glicemia nei topi diabetici (dopo due ore dopo il consumo) del 52, 53 e 61%. Questo perché la sostanza è stata in grado di stimolare l'uso del glucosio da parte del fegato. Ciò significa che l'estratto di balsamo ha un potenziale antidiabetico.

  • Diabete: cos'è, tipi e sintomi

Tratta i disturbi gastrici

Il succo fresco delle foglie di melissa è stato ampiamente utilizzato nella medicina tradizionale brasiliana per il trattamento di disturbi gastrici e infiammatori. Uno studio pubblicato dalla rivista Elsevier ha valutato le proprietà antidolorifiche e antinfiammatorie del balsamo e ha concluso che quattro glicosidi del kaempferolo riducono il dolore e l'infiammazione. Il che indica che il balsamo può aiutare ad alleviare il dolore gastrico.

  • Impara come preparare i rimedi casalinghi per la gastrite
  • Suggerimenti per i rimedi casalinghi per il reflusso gastroesofageo

Come usare il balsamo

L'utilizzo del balsamo dipende dal tipo di trattamento desiderato e può essere utilizzato esternamente o internamente. Per uso esterno, il balsamo può essere macerato e, per uso interno, ingerito.

Per uso esterno macerare le foglie del balsamo fino a farle scomparire, formando un aspetto pastoso. Applicare sulla zona interessata.

Il balsamo può essere assunto anche crudo, come insalata o come tè. Per sfruttare al massimo i suoi benefici, si consiglia di assumere il balsamo crudo e al mattino come primo alimento.

Per preparare il tè al balsamo, mettete in infusione sei foglie in acqua bollente (a fuoco spento) per 15 minuti.

Controindicazioni

Il balsamo non ha controindicazioni segnalate da nutrizionisti e studiosi, in quanto è un'opzione di rimedio naturale. Ma è meglio non consumare più di 10 foglie al giorno, poiché l'eccesso può provocare disturbi intestinali o addirittura diarrea. (Inoltre, vale la pena ricordare che il consumo eccessivo di qualsiasi cosa, anche se naturale, può provocare reazioni avverse)

Inoltre, prima di utilizzare la pianta come alleato per curare qualsiasi condizione di salute, l'ideale è consultare il proprio medico o medico di fiducia. L'utilizzo del balsamo non è sostitutivo del trattamento clinico indicato e può servire solo come complemento.

Nel caso di persone che usano qualsiasi tipo di medicinale, è importante anche parlare con il professionista che accompagna la tua condizione per assicurarti che non ci siano rischi di interazione tra la pianta ei medicinali che prendi.


Original text