notizia

Cos'è il compostaggio e come farlo

Produrre compost domestico riduce i gas serra, i rifiuti organici e fa bene alla salute

compostaggio

L'immagine modificata e ridimensionata di Nikola Jovanovic, è disponibile su Unsplash

Cos'è il compostaggio?

Il compostaggio è il processo biologico di valorizzazione della materia organica, sia essa di origine urbana, domestica, industriale, agricola o forestale, e può essere considerata una tipologia di riciclo dei rifiuti organici. È un processo naturale in cui microrganismi, come funghi e batteri, sono responsabili della degradazione della materia organica, trasformandola in humus, un materiale molto ricco di sostanze nutritive e fertile.

La pratica fa ancora bene alla salute. Secondo uno studio, il contatto con un batterio presente nell'humus funziona come un antidepressivo, diminuisce le allergie, il dolore e la nausea.

  • Humus: cos'è e quali sono le sue funzioni per il suolo

Il compostaggio aiuta a ridurre gli avanzi di cibo, rendendolo una soluzione facile per riciclare i rifiuti generati nella nostra casa. Guarda il video qui sopra, dal canale YouTube eCycle Portal , per capire, in modo brevissimo, cos'è il compostaggio. Se ti piace, iscriviti al canale! Controlla di seguito per maggiori dettagli su come avviene il compostaggio e su come farlo.

Come compostare?

Il compostaggio dei rifiuti avviene per fasi, tra loro molto distinte.

Fasi di compostaggio

1 °) Fase mesofila:

In questa fase di compostaggio, funghi e batteri mesofili (attivi a temperature prossime alla temperatura ambiente), iniziano a proliferare nella materia organica agglomerata nel compost, provocando la decomposizione dei rifiuti organici. In primo luogo, le molecole più semplici vengono metabolizzate. In questa fase le temperature sono moderate (circa 40 ° C) e durano circa 15 giorni.

  • Composteira: cos'è, come funziona e i suoi vantaggi
  • Cosa sono i rifiuti organici e come riciclarli a casa
  • Cosa fare con il resto del cibo?

2 °) Fase termofila:

È la fase più lunga del compostaggio e può estendersi fino a due mesi, a seconda delle caratteristiche del materiale da compostare. In questa fase entrano in scena funghi e batteri chiamati termofili, in grado di resistere a temperature comprese tra 65 ° C e 70 ° C, per l'influenza di una maggiore disponibilità di ossigeno - promossa dal ribaltamento della pila iniziale. La degradazione delle molecole più complesse e l'alta temperatura aiutano nell'eliminazione dei patogeni.

3 °) Fase di maturazione:

È l'ultima fase del processo di compostaggio e può durare fino a due mesi. In questa fase del compostaggio si ha una diminuzione dell'attività microbica, della temperatura (fino a raggiungere la temperatura ambiente) e dell'acidità. È un periodo di stabilizzazione che produce un composto maturo. La maturità del composto avviene quando la decomposizione microbiologica è completa e la materia organica si trasforma in humus, esente da tossicità, metalli pesanti e patogeni.

L'humus è un materiale stabile, ricco di sostanze nutritive e minerali, che può essere utilizzato in orti, giardini e per scopi agricoli, come fertilizzante organico, restituendo al terreno i nutrienti di cui ha bisogno ed evitando l'uso di fertilizzanti di sintesi.

  • Agricoltura urbana biologica: capisci perché è una buona idea

Storia del compostaggio

Il compostaggio organico non è una nuova pratica, ma sta guadagnando popolarità mentre c'è una maggiore tendenza verso la preoccupazione per la sostenibilità. Gli agricoltori hanno utilizzato a lungo il metodo di riciclaggio dei rifiuti domestici per ottenere fertilizzanti organici.

In Medio Oriente, principalmente in Cina, il compostaggio è stato applicato da secoli. In Occidente, divenne noto nel 1920, dopo i primi esperimenti di Sir Albert Howard. L'inglese Howard era considerato uno dei propellenti del compostaggio domestico nella provincia indiana di Indore, dove cercò di compostare con rifiuti di una sola natura e concluse che fosse necessario mescolarne diversi tipi.

Anche in Europa, la tecnica è stata utilizzata durante il Settecento e l'Ottocento dai contadini che trasportavano i loro prodotti nelle città in crescita e, in cambio, tornavano alle loro terre con i rifiuti solidi urbani delle città per usarli come correttivi organici. terra. Pertanto, i rifiuti sono stati quasi completamente riciclati attraverso il compostaggio e l'agricoltura.

  • Compostaggio dei rifiuti nelle grandi città: trattare i rifiuti organici in modo sostenibile

Con l'espansione delle aree urbane, l'aumento della popolazione e dei consumi, si sono verificati dei cambiamenti nella qualità dei rifiuti solidi, che hanno finito per diventare sempre più inadeguati per il processo di compostaggio dei rifiuti. Ben presto, la tecnica perse popolarità. Tuttavia, oggi, con la pressione a utilizzare metodi volti a preservare l'ambiente, c'è un nuovo interesse per il compostaggio degli scarti alimentari in casa come soluzione per ridurre il volume dei rifiuti che vengono inviati alle discariche. e scarica ogni giorno.

Questa abitudine può ancora fornire una sana opzione di fertilizzante organico per piante e orti. Con questo, sempre più persone vogliono sporcarsi le mani e produrre il proprio compost, ma molte non sanno da dove cominciare.

Cos'è un cantautore?

compostaggio

Immagine: indirizzo della foresta / divulgazione

  • Compostaggio domestico: come farlo e vantaggi

Il compost non è altro che il luogo (o struttura) adatto al deposito e compostaggio di materiale organico, dove i rifiuti organici verranno trasformati in humus.

Il compost può assumere varie forme e dimensioni, questo dipende dal volume di materia organica prodotta e anche dallo spazio libero disponibile per la sua allocazione, ma hanno tutti lo stesso scopo.

compostaggio

Immagine: indirizzo della foresta / divulgazione

  • Humi: il compositore domestico che unisce stile e praticità
Le compostiere possono essere installate in case e appartamenti e possiamo trovare tipologie che contemplano, oltre alla questione delle dimensioni, anche la questione del prezzo e del costo, essendo che, in ogni caso, il compostaggio domestico è una grande iniziativa (per sapere quale tipo di compositore più adatto alle tue esigenze, dai un'occhiata all'articolo: "Come scegliere il miglior tipo di compositore domestico?").

Lombrichi nel compost

Un modo per accelerare il compostaggio organico è attraverso l'uso di lombrichi californiani (specie Eisenia foetida più adatta al processo). Questo perché i lombrichi digeriscono la materia organica, facilitando il lavoro dei microrganismi. Questo tipo di compostaggio è chiamato vermicomposting o compostaggio con i lombrichi. Per saperne di più su questo argomento, leggi l'articolo: "Vermicomposting: conosci i vantaggi di questa tecnica che riduce i rifiuti organici". Per conoscere più da vicino i vermi, leggi l'articolo: "Lombrichi: importanza ambientale in natura e in casa".

Distributore automatico

Il compostaggio può essere effettuato anche utilizzando una macchina automatica per il compostaggio, che comporta una maggiore praticità, poiché la decomposizione è più rapida e al posto dei lombrichi vengono utilizzati potenti microrganismi brevettati (tra questi, Acidulo TM), in grado di se si moltiplicano ad alte temperature, alta salinità e acidità, approfondisci questo argomento leggendo l'articolo "Le macchine automatiche di compostaggio portano agilità ed efficienza nel riutilizzo dei rifiuti domestici". Con questo è possibile inserire cibi acidi, carne, ossa, lische, frutti di mare, in contrapposizione al compostaggio con i lombrichi, o al vermicompost. In questi ultimi, inoltre, è sconsigliato depositare grassi e latticini in eccesso, poiché ritardano la decomposizione. Ci sono anche residui che non vanno a nessun tipo di compostiera,ma dobbiamo allocare correttamente. Per saperne di più, guarda l'articolo: "Cosa puoi mettere nella compostiera?".

Quando si identifica il miglior tipo di processo (compost o vermicomposting) e compostaggio per la casa, la famiglia e il budget, molte persone hanno ancora una domanda: se il compost domestico è igienico. Questo dubbio è ricorrente a causa dell'esistenza del percolato e della necessità di trattare avanzi di cibo che possono emanare un cattivo odore e attirare gli animali. Anche il fatto che ci siano lombrichi nelle compostiere fa paura. Ma questa paura non è ben fondata, come mostra l'articolo "Intervista: il compost fatto in casa è igienico" con Cesar Danna, dal sito web di soluzioni per rifiuti organici di Minhocasa .

Fattori che influenzano la generazione e la qualità del compost

Sono molti i fattori che possono influenzare la quantità e la qualità dei composti generati durante il compostaggio, i principali sono i seguenti:

Organi:

La trasformazione della materia organica grezza in humus è fondamentalmente un processo microbiologico, operato principalmente da funghi e batteri, che, durante le fasi di compostaggio, alternano specie di microrganismi coinvolti. C'è anche la collaborazione di macro e mesofauna, come lombrichi, formiche, coleotteri e acari, durante il processo di decomposizione;

Temperatura:

Uno dei fattori di grande importanza nel processo di compostaggio. Questo processo di decomposizione della materia organica da parte di microrganismi è direttamente correlato alla temperatura, per mezzo di microrganismi che producono calore, mediante la metabolizzazione della materia organica, essendo la temperatura correlata a diversi fattori, quali materiali ricchi di proteine, basso rapporto carbonio / azoto, umidità e altri.

Materiali macinati e setacciati, con granulometria più fine e maggiore omogeneità, si traducono in una migliore distribuzione della temperatura e minori dispersioni termiche. Maggiori dettagli nell'articolo "Condizioni di base per la manutenzione della compostiera: temperatura e umidità".

Umidità:

La presenza di acqua è fondamentale per il buon svolgimento del processo, in quanto l'umidità garantisce l'attività microbiologica, questo perché, tra gli altri fattori, la struttura dei microrganismi è costituita da circa il 90% di acqua e, nella produzione di nuove cellule , l'acqua deve essere ottenuta dal mezzo, cioè, in questo caso, dalla massa di compostaggio.

Tuttavia, la scarsità o l'eccesso di liquido può rallentare il compostaggio: se c'è eccesso, è necessario aggiungere sostanza secca, come segatura o foglie secche.

  • Umidità nel compostaggio: fattore molto importante nel compostaggio
  • Cosa fare con i rami secchi caduti?
  • Cosa fare con le foglie secche?

Il range di umidità ottimale consigliato per ottenere la massima decomposizione è prossimo al 50%, con maggiore attenzione al contenuto di umidità durante la fase iniziale, in quanto necessita di un adeguato apporto idrico per favorire la crescita di organismi biologici. coinvolti nel processo e affinché le reazioni biochimiche avvengano al momento giusto durante il processo di compostaggio. Scopri maggiori dettagli nell'articolo "Umidità all'interno della compostiera: un fattore molto importante".

Aerazione:

Nel processo di compostaggio si può dire che l'aerazione è il fattore più importante da considerare, perché l'aerazione impedisce la formazione di cattivi odori e la presenza di insetti, come i moscerini della frutta, ad esempio, che è importante sia sia per il processo che per l'ambiente.

Bisogna anche tenere conto che più la massa organica è umida, più sarà carente la sua ossigenazione. Si consiglia di effettuare la prima agitazione due o tre settimane dopo l'inizio del processo, poiché questo è il periodo in cui è richiesta la massima aerazione possibile. Quindi, la seconda rotazione dovrebbe essere eseguita circa tre settimane dopo la prima, e dieci settimane dopo l'inizio del processo di compostaggio, la terza rotazione dovrebbe essere eseguita per un'incorporazione finale di ossigeno.

  • Quali animali domestici possono apparire nel compost?
  • Mosca e larva nel compost: cause e come eliminare
  • Suggerimenti per coloro che vogliono sbarazzarsi delle mosche della drosofila nelle compostiere

Una massa organica con una dose adeguata di azoto e carbonio aiuta la crescita e l'attività delle colonie di microrganismi coinvolti nel processo di decomposizione, consentendo la produzione del composto in minor tempo. Sapendo che i microrganismi assorbono carbonio e azoto in una proporzione di 30 parti di carbonio in una parte di azoto, cioè un rapporto di 30/1, questa è la proporzione ideale per il materiale organico depositato nel compost, ma anche si consigliano valori compresi tra 1/26 e 35/1, come rapporti C / N più favorevoli per un compostaggio rapido ed efficiente.

I residui con un basso rapporto C / N (C / N <26/1) sono a basso contenuto di carbonio e perdono azoto in forma ammoniacale durante il processo di compostaggio. In questo caso, si consiglia di aggiungere resti vegetali cellulosici, come segatura di legno, tutolo di mais e paglia e steli e grappoli di banana ricchi di carbonio, per aumentare il rapporto ad un valore prossimo all'ideale. Altrimenti, cioè quando la materia prima ha un rapporto C / N elevato (C / N> 35/1), il processo di compostaggio richiede più tempo e il prodotto finale avrà bassi livelli di materia organica. Per correggere questo errore, è necessario aggiungere materiali ricchi di azoto come foglie di alberi, erbe e verdure fresche.

Oltre a quanto accennato fino ad ora, altre precauzioni consigliate sono relative al luogo in cui verrà allocato il compost: la precedente preparazione del materiale organico, la quantità di materiale da compostare e le dimensioni delle file (quando il compostaggio è fatto in file, pile di rifiuti in linea). Dovresti anche fare attenzione con quali materiali organici inserire nel tuo compost, come, ad esempio, nel caso del vermicomposting, dove ci sono restrizioni ad alcuni tipi di cibo già citati, come agrumi, cipolle o aglio in eccesso, poiché alterano il pH composto.

  • Impara come bilanciare il rapporto carbonio-azoto nel compostaggio
  • Ho ricevuto il mio compositore domestico. E adesso?
  • Qual è l'influenza del pH sul compostaggio?

A cosa serve il compostaggio

Secondo i dati dell'IPEA, Institute of Applied Economic Research, il materiale organico corrisponde a circa il 52% del volume totale dei rifiuti prodotti in Brasile e tutto questo finirà nelle discariche, dove si depositerà insieme agli altri e non riceverà alcun tipo di trattamento. specifico.

  • Cosa sono i cambiamenti climatici?

Il compostaggio presenta molti vantaggi per l'ambiente e la salute pubblica, sia che venga applicato nell'ambiente urbano (domestico o industriale) che in quello rurale. Il più grande vantaggio che si può citare del compostaggio è che, nel processo di decomposizione, si verifica solo la formazione di anidride carbonica o anidride carbonica (CO2), acqua (H2O) e biomassa (humus). Trattandosi di un processo di fermentazione che avviene in presenza di ossigeno (aerobico), previene la formazione di gas metano (CH4), generato nelle discariche a causa della decomposizione di questi residui, altamente nocivo per l'ambiente e molto più aggressivo, poiché è un gas serra circa 25 volte più potente dell'anidride carbonica - e anche se alcune discariche utilizzano il metano come energia, queste emissioni contribuiscono allo squilibrio dell'effetto serra,influenza umana che potenzialmente determina il cambiamento climatico.

Quando ricicliamo i rifiuti destinati alle discariche attraverso il compostaggio, ci sarà, di conseguenza, un risparmio sui costi di trasporto e utilizzo della discarica stessa, determinando un aumento della sua vita utile (vedi a proposito dell'uso del compost nelle grandi città).

Il compostaggio, oltre a tutto quello che abbiamo fatto finora, favorisce la valorizzazione di un input naturale ed ecologicamente sicuro, fertilizzante organico, agendo sul riciclo dei nutrienti del suolo e sul riutilizzo agricolo della materia organica, evitando così l'utilizzo di fertilizzanti inorganici, formati da composti chimici non naturali, i più comuni dei quali contengono sostanze come azoto, fosfati, potassio, magnesio o zolfo (vedi maggiori informazioni nell'articolo "Cosa sono i fertilizzanti?"), i cui effetti, soprattutto i fertilizzanti azotati, sono ugualmente dannosi lo squilibrio dell'effetto serra. È anche possibile citare i rischi che questi fertilizzanti possono portare a causa della presenza di metalli pesanti nella loro composizione.

Il letame prodotto nel processo di compostaggio con i lombrichi può essere utilizzato come fertilizzante liquido (nella proporzione di dieci parti di acqua per una di letame) e come antiparassitario (nella proporzione di metà del letame e metà dell'acqua spruzzata sulle piante).

Se i tuoi dubbi sul compostaggio sono stati risolti con questo materiale e stai cercando di esercitarti a casa tua, puoi acquistare una compostiera domestica presso il nostro punto vendita. Trova il tipo migliore per la tua casa e la tua famiglia. Puoi anche vedere come fare una compostiera a casa nell'articolo: "Impara a fare una compostiera a casa con i lombrichi".

Guarda il video (in inglese) sul processo di compostaggio.


Original text