notizia

Ulteriori informazioni sulla masterizzazione in Amazzonia

La combustione in Amazzonia influisce sull'equilibrio degli ecosistemi, sulla salute umana e sul pianeta nel suo complesso

Bruciando in Amazzonia

Foto di Ylvers su Pixabay

La combustione della biomassa forestale come pratica agropastorale utilizzata nelle zone rurali è una tecnica antica e ricorrente nel paese. È una strategia che si caratterizza come uno dei principali contributori mondiali all'emissione di gas serra. Negli ultimi anni la crescita degli incendi in Amazzonia ha suscitato grande attenzione sul problema. Questa pratica influisce sull'equilibrio degli ecosistemi presenti nella regione, sulla salute umana e, di conseguenza, sul pianeta.

L'Amazzonia ha caratteristiche geografiche e ambientali distinte dal resto del paese. Queste condizioni favoriscono l'esposizione della popolazione amazzonica, rendendola più vulnerabile agli effetti degli incendi. Comprendere le principali cause e conseguenze degli incendi in Amazzonia e l'attuale situazione di questa pratica nel paese.

Conoscere l'Amazzonia

L'Amazzonia è una regione di 8 milioni di km2 che si estende su nove paesi del Sud America e comprende un insieme di ecosistemi, in cui sono coinvolti lo spartiacque del Rio delle Amazzoni e la foresta amazzonica. Oltre a ospitare la più grande biodiversità del pianeta, l'Amazzonia è responsabile di fornire numerosi servizi ecosistemici fondamentali per la qualità della vita della popolazione umana, come la regolazione del clima, l'acqua pulita per il consumo e l'aria pulita.

La foresta amazzonica è la più grande foresta equatoriale del mondo e occupa un'area di circa 6,7 ​​milioni di km2. Copre circa il 40% del territorio brasiliano, oltre ad occupare porzioni dei territori di Venezuela, Colombia, Bolivia, Ecuador, Suriname, Guyana e Guyana francese. In Brasile, occupa praticamente l'intera regione settentrionale, principalmente gli stati di Amazonas, Amapá, Pará, Acre, Roraima e Rondônia, oltre al Mato Grosso settentrionale e al Maranhão occidentale.

Inoltre, la regione amazzonica ospita anche il più grande bacino idrografico e il fiume più grande del mondo in termini di volume d'acqua: il Rio delle Amazzoni, con 6.937 km di lunghezza. Oltre al Brasile, il bacino amazzonico si estende a parti della Bolivia, Colombia, Ecuador, Guyana, Perù, Suriname e Venezuela.

Oltre a fornire vari servizi ecosistemici, l'Amazzonia ospita la più grande riserva di biodiversità del pianeta. Vale anche la pena ricordare che la regione ospita gran parte delle popolazioni indigene brasiliane. Pertanto, assicurarne la conservazione garantisce la naturale sostenibilità e la sopravvivenza della cultura di questi popoli.

Tipi di incendi boschivi

Secondo lo studio "Chiarire la crisi ardente in Amazzonia", ci sono tre tipi principali di incendio in Amazzonia. Il primo tipo di incendio si verifica dalla deforestazione. Per prima cosa la vegetazione viene abbattuta e lasciata asciugare al sole. Quindi il fuoco viene utilizzato per bruciare la vegetazione. La combustione ha la funzione di preparare l'area deforestata per l'agricoltura o l'allevamento.

Il secondo tipo di incendio si verifica nelle aree utilizzate per l'agricoltura che sono già state disboscate. Un esempio citato nello studio riguarda gli allevatori di bestiame, che usano il fuoco per eliminare erbacce e pascoli. Anche i piccoli agricoltori, i popoli indigeni e tradizionali usano il fuoco nell'agricoltura taglia e brucia.

Il terzo tipo di combustione, chiamato incendio boschivo, è quello in cui il fuoco può invadere le foreste. Quando questo accade per la prima volta, le fiamme sono limitate principalmente al sottobosco. Tuttavia, quando la pratica diventa ricorrente, gli incendi boschivi diventano più intensi.

Contesto storico sull'incendio in Amazzonia

Caratterizzata tra i principali contributori mondiali all'emissione di gas serra, la combustione di biomasse è una pratica ricorrente e vecchia in Brasile. Tuttavia, la consapevolezza globale dei suoi possibili impatti è relativamente recente.

Attualmente, la deforestazione e gli incendi sono due dei maggiori problemi ambientali che il Brasile deve affrontare. Anche se diverse, le due pratiche sono tradizionalmente associate, poiché lo sgombero della vegetazione è quasi sempre seguito dalla combustione di biomasse forestali per “pulire” l'area.

In questo contesto, l'Amazzonia è rimasta preservata fino all'inaugurazione dell'autostrada Transamazônica nel 1970, considerata il punto di partenza dell'era "moderna" della deforestazione. Di conseguenza, l'intensità e l'uso indiscriminato delle pratiche di combustione, utilizzate nella preparazione dell'area deforestata per attività agropastorali, è diventato un grave problema ambientale per il Brasile. Inoltre, gli incentivi fiscali sono stati un forte motore della deforestazione nei decenni successivi.

Principali cause di ustioni in Amazzonia

Secondo i rapporti sugli incendi (ROI) del Centro per la prevenzione e la lotta agli incendi boschivi di Prevfogo, le cause di incendi boschivi sono numerose. Il primo di questi è l'analfabetismo ambientale, che esprime ignoranza sui sistemi, le interrelazioni e le interdipendenze dei processi che assicurano la vita sulla Terra. L'analfabetismo ambientale è visto come la più grande minaccia alla sostenibilità socio-ambientale del pianeta.

La seconda causa citata è legata all'espansione dei confini agropastorali. Secondo il rapporto, la preparazione delle aree deforestate per le attività agricole è la principale causa di incendi in Amazzonia. Durante questa pratica, l'ignoranza delle tecniche di prevenzione e dei fattori che influenzano il comportamento del fuoco è responsabile della dispersione incontrollata delle fiamme in tutta la regione. Oltre all'analfabetismo ambientale e all'espansione dei confini, vengono evidenziate anche cause naturali e comportamentali. Tuttavia, è noto che l'intensità di questi incendi è inferiore e che hanno scarso impatto sull'Amazzonia.

Secondo lo studio “Chiarire la crisi ardente in Amazzonia”, le principali cause degli incendi boschivi legati alla deforestazione sono la mancanza di governance locale e la speculazione fondiaria. Anche la sussistenza degli agricoltori e la gestione estensiva del bestiame appaiono come fattori che portano alla combustione della biomassa.

Fattori che contribuiscono agli incendi boschivi

Il rischio e la facilità di propagazione dell'incendio sono influenzati dai seguenti fattori:

Clima

Scarse precipitazioni e umidità relativa e venti forti favoriscono l'insorgenza e la propagazione del fuoco nella vegetazione. Le scarse precipitazioni nella regione durante l'inverno asciugano gli strati vegetali, favorendo la dispersione delle fiamme. Anche le alte temperature aumentano il rischio di combustione. I venti forti e costanti, a loro volta, aumentano l'evapotraspirazione e diminuiscono l'umidità relativa dell'aria, favorendo la propagazione del fuoco nella vegetazione.

Topografico

La pendenza di un luogo favorisce anche la dispersione delle fiamme nella vegetazione. Il fuoco si diffonde più velocemente quanto più accidentato è il terreno. Inoltre, le regioni con forti pendenze contribuiscono a specifici regimi di circolazione dell'aria, che aiutano anche a propagare il fuoco.

Tipi di carburante

Anche la combustione e la propagazione del fuoco dipendono dalla materia organica bruciata. La natura dell'incendio dipenderà dalle costituzioni chimiche della biomassa e da dove si trova.

Fattori che contribuiscono a bruciare in Amazzonia

Nonostante i cambiamenti climatici siano stati identificati come fattori che favoriscono il verificarsi di incendi in Amazzonia, le prove suggeriscono che l'aumento degli incendi non è stato determinato da loro. L'elevata incidenza di incendi derivante dal processo di deforestazione era coerente con le immagini di incendi su larga scala avvenuti in aree deforestate e che sono state mostrate dai media, mentre gli enormi pennacchi di fumo che raggiungono livelli atmosferici elevati potrebbero essere spiegati solo dalla combustione di grandi quantità di biomassa vegetale.

Situazione attuale di incendio in Amazzonia

Il numero di incendi in Amazzonia segnalato dal Programma Burning dell'Istituto Nazionale per la Ricerca Spaziale (Inpe), tra gennaio e agosto 2019, è stato il più alto mai registrato dall'inizio del monitoraggio, avvenuto nel 2010. Relativamente allo stesso periodo dall'anno precedente, i dati raccolti dall'Inpe mostrano che gli incendi sono aumentati del 52,5% in questa regione. Inoltre, anche gli incendi boschivi nel Cerrado e nella Foresta Atlantica hanno mostrato una crescita elevata rispetto al periodo precedente.

Secondo una nota tecnica dell'Ipam (Institute of Environmental Research of the Amazon) sulla stagione degli incendi del 2019, i dieci comuni che hanno avuto il maggior interesse per gli incendi boschivi quest'anno sono anche quelli che hanno registrato alti tassi di deforestazione, Acre, Amazonas, Mato Grosso, Rondônia e Roraima.

Impatti della combustione in Amazzonia

Gli incendi sono responsabili del rilascio di anidride carbonica (CO2) e metano (CH4) nell'atmosfera. Questi gas contribuiscono al riscaldamento globale e possono cambiare il clima dell'Amazzonia, creando l'ambiente giusto per altri grandi incendi che si verificano più frequentemente. È un circolo vizioso. Anche la perdita della più grande riserva di biodiversità del pianeta e l'inquinamento del suolo e degli ambienti acquatici sono gravi conseguenze generate dagli incendi.

Inoltre, la deforestazione è responsabile dell'aumento del flusso d'acqua e, di conseguenza, dello scarico dei fiumi. Questo perché la riduzione della copertura vegetale diminuisce l'infiltrazione di acqua nel suolo e le velocità di evapotraspirazione. Questo processo altera le condizioni morfologiche e biogeochimiche degli ecosistemi acquatici, poiché provoca l'esportazione di sedimenti terrestri verso i corsi d'acqua.

Gli incendi contribuiscono anche all'aumento dei casi di malattie respiratorie, poiché influiscono sulla qualità dell'aria. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), in un documento preparato per eventi legati agli incendi boschivi, sottolinea la salute come dipendente da un ambiente sano, evidenziando la necessità di indirizzare il problema degli incendi in un contesto globale di cambiamenti.

Oltre all'anidride carbonica, durante gli incendi vengono prodotte e rilasciate nell'atmosfera altre specie chimiche come il monossido di carbonio (CO), gli ossidi di azoto (NO3) e gli idrocarburi. Questi elementi subiscono reazioni fotochimiche che aiutano nella formazione di inquinanti secondari, che agiscono come gas serra e intensificano il riscaldamento globale.

10 azioni pratiche per aiutare a salvare l'Amazzonia

  1. Contribuire con donazioni di beni e tempo alle istituzioni a favore della conservazione;
  2. Partecipare ad attivazioni, mobilitazioni e campagne;
  3. Firmare e diffondere petizioni incentrate sulle politiche pubbliche;
  4. Caricare il posizionamento di marchi e persone rilevanti per la causa;
  5. Elimina o riduci il consumo di carne. Il consumo di carne in Brasile è il doppio di quello suggerito dall'OMS;
  6. Introduci una dieta vegana. Secondo le Nazioni Unite, un passaggio globale a una dieta vegana è vitale per salvare il mondo dalla fame, dalla carenza di carburante e dai peggiori impatti del cambiamento climatico;
  7. Consumare legno e carta certificati;
  8. Supportare i marchi che producono in modo sostenibile;
  9. Sostenere la resistenza dei popoli indigeni;
  10. Sostenere l'agricoltura e altri progetti con un impatto socio-ambientale positivo.
Inoltre, la fine degli incendi è direttamente correlata all'interruzione della deforestazione. Per questo, sono necessarie quattro linee di azione, che includono:
  • Attuazione di politiche pubbliche ambientali efficaci e durature;
  • Supporto per usi sostenibili della foresta e migliori pratiche agricole;
  • Drastica restrizione del mercato per i prodotti associati alla nuova deforestazione;
  • Coinvolgimento di elettori, consumatori e investitori negli sforzi per fermare la deforestazione.