notizia

Cos'è l'inquinamento atmosferico? Conosci le cause e i tipi

Comprendere le cause e le conseguenze dell'inquinamento atmosferico per la salute umana e l'ambiente

inquinamento dell'aria

L'inquinamento atmosferico è l'introduzione di qualsiasi sostanza che, a causa della sua concentrazione, potrebbe diventare dannosa per la salute e l'ambiente. Conosciuto anche come inquinamento atmosferico, si riferisce alla contaminazione dell'aria da gas, liquidi e particelle solide in sospensione, materiale biologico e persino energia.

  • Conoscere gli inquinanti atmosferici e i loro effetti

Questo tipo di inquinamento si verifica con sostanze che vengono chiamate inquinanti atmosferici ed esistono sotto forma di gas o particelle provenienti da fonti naturali (vulcani e nebbie) o fonti artificiali prodotte dalle attività umane. Secondo uno studio dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) del 2014, l'inquinamento atmosferico ha causato la morte di oltre 7 milioni di persone in tutto il mondo nel 2012, uccidendo più di AIDS e malaria messi insieme.

Inquinamento dell'aria

Inquinamento da industrie

Foto di か ね の り 三浦 da Pixabay

Può sembrare incredibile, ma l'inquinamento atmosferico era già presente nell'Antica Roma, quando le persone bruciavano la legna, per esempio. Tuttavia, la rivoluzione industriale ha aumentato notevolmente l'impatto umano sulla qualità dell'aria, poiché l'intensità della combustione del carbone è aumentata notevolmente nel 19 ° secolo, specialmente in Gran Bretagna. La combustione del carbone ha scaricato tonnellate di inquinamento atmosferico, provocando danni alla popolazione, che soffriva di malattie respiratorie, all'epoca responsabili di migliaia di morti.

Tra gli episodi eclatanti derivanti dall'inquinamento atmosferico, si evidenzia la situazione dell'Inghilterra degli anni Cinquanta. Nel 1952, a causa dell'inquinamento da particolato e composti solforati rilasciati dalle industrie del carbone, oltre alle cattive condizioni meteorologiche che contribuirono alla non dispersione di questo inquinamento, circa quattromila persone morirono a Londra per problemi respiratori entro una settimana. Nei mesi successivi a questo evento, noto come Big Smoke , morirono più di ottomila persone e circa altre 100mila si ammalarono.

Tipi di inquinamento atmosferico

L'inquinamento atmosferico è un nome generico che utilizziamo per una vasta gamma di sostanze. Gli inquinanti possono essere classificati in due tipi: inquinanti primari e inquinanti secondari.

Gli inquinanti primari sono quelli rilasciati direttamente nell'atmosfera, da fonti antropiche e naturali. Gli inquinanti secondari sono quelli che sono prodotti di reazioni chimiche e fotochimiche che si verificano nell'atmosfera che coinvolgono inquinanti primari. Conosciamo i principali inquinanti atmosferici:

Monossido di carbonio (CO)

Un gas incolore, inodore e tossico. Principalmente prodotto non bruciando completamente il carburante. Provoca interferenze con il trasporto di ossigeno nel nostro corpo, che può provocare soffocamento. Scopri di più nell'articolo: "Cos'è il monossido di carbonio?".

Anidride carbonica (CO2)

È una sostanza fondamentale per gli esseri viventi. Le verdure usano l'anidride carbonica per svolgere la loro fotosintesi, un processo in cui usano l'energia solare e la CO2 per produrre energia. Il gas viene prodotto nel processo di respirazione cellulare, ma ha altre fonti, che sono la causa di gran parte dell'inquinamento atmosferico, come il processo di decomposizione e la combustione di combustibili fossili. Questo gas è attualmente noto per essere una delle cause dell'effetto serra. Ciò è dovuto al fatto che la CO2 assorbe parte della radiazione emessa dalla superficie terrestre, trattenendo il calore, con conseguente aumento della temperatura. Capire meglio in materia: "Anidride carbonica: cos'è la CO2?".

Clorofluorocarburi (CFC)

Erano emessi da prodotti come condizionatori d'aria, frigoriferi, spray aerosol, ecc. Questi composti sono attualmente vietati quasi ovunque nel mondo. A contatto con altri gas, i CFC causano danni allo strato di ozono, essendo in gran parte responsabili del suo buco, permettendo così ai raggi ultravioletti di raggiungere la superficie terrestre, causando problemi come il cancro della pelle. Maggiori informazioni sulla sostituzione dei CFC nell'articolo: "HFC: sostituto del CFC, anche il gas ha degli impatti".

Ossidi di zolfo (SOx)

La più dannosa è l'anidride solforosa (SO2), che viene prodotta in vari processi industriali e dalle attività vulcaniche. Nell'atmosfera l'anidride solforosa forma acido solforoso, provocando piogge acide.

Ossidi di azoto (NOx)

In particolare, il biossido di azoto (NO2) è un fattore importante nell'inquinamento atmosferico. Questi ossidi sono gas altamente reattivi, formati durante la combustione per azione microbiologica o fulmini. Nell'atmosfera, gli NOx reagiscono con composti organici volatili e monossido di carbonio, producendo ozono troposferico. È anche ossidato ad acido nitrico, che contribuisce alle piogge acide. Capire meglio in materia: "Biossido di azoto? Conosci NO2".

Composti organici volatili (COV)

Questi elementi che compongono l'inquinamento atmosferico sono sostanze chimiche organiche emesse da varie fonti, tra cui la combustione di combustibili fossili, attività industriali ed emissioni naturali da vegetazione e incendi. Alcuni COV (o COV) di origine antropica, come il benzene, sono inquinanti cancerogeni. Il metano è un composto organico volatile che contribuisce all'effetto serra ed è circa 20 volte più potente del monossido di carbonio. Scopri di più nell'articolo: "COV: conosci i composti organici volatili".

Ammoniaca (NH3)

Emesso principalmente dall'agricoltura a causa dell'uso di fertilizzanti. Nell'atmosfera, l'ammoniaca è un tipo di inquinamento atmosferico che reagisce formando inquinanti secondari.

Materiale particolato (MP)

Sono particelle fini di solidi o liquidi sospesi. Questo materiale si presenta naturalmente da eruzioni vulcaniche, tempeste di sabbia, formazione di nebbia e altri processi naturali. L'azione umana produce PM nelle attività industriali, estrazione mineraria e combustione di combustibili fossili, tra gli altri. Nell'atmosfera, questo materiale provoca danni alla salute. Più piccola è la particella, maggiori saranno gli effetti. Alcuni effetti causati dal particolato sono problemi respiratori e cardiaci. Capire di più su di esso: "I pericoli del particolato".

Ozono troposferico (O3)

Nonostante sia estremamente necessario nell'atmosfera per bloccare la radiazione solare, l'ozono che si forma nella troposfera (più vicino alla superficie terrestre), dalle reazioni con altri inquinanti, è una forma di inquinamento atmosferico che causa diversi danni al la nostra salute, come irritazioni e problemi respiratori. Capire meglio cos'è questo gas in questione: "Ozono: che cos'è?".

Cause dell'inquinamento atmosferico

Ci sono diverse attività e fattori che sono le cause dell'inquinamento atmosferico. Queste fonti possono essere suddivise in due categorie:

Fonti naturali

  • Polvere proveniente da fonti naturali, come aree desertiche;
  • Metano emesso nel processo di digestione degli animali. Questa emissione è aumentata dall'azione umana a causa dell'elevato numero di animali allevati per il cibo, come ad esempio i bovini, che corrispondono a gran parte delle emissioni di metano nell'ambiente;
  • Fumo e monossido di carbonio emessi in incendi naturali;
  • Attività vulcanica, che emette diversi inquinanti come anidride carbonica, anidride solforosa e ceneri in grandi quantità, potendo così provocare danni terribili;
  • Attività microbiologica negli oceani, liberazione di gas solforosi;
  • Decadimento radioattivo dei minerali (rocce);
  • Emissioni dell'impianto di composti organici volatili (COVS);
  • Decomposizione della materia organica.

Fonti antropiche (causate dall'umanità)

  • Fabbriche, centrali elettriche, inceneritori, fornaci e altre fonti fisse. Luoghi che utilizzano la combustione di combustibili fossili o biomasse, come il legno;
  • Veicoli automobilistici come auto, moto, camion e aeroplani. I trasporti contribuiscono a circa la metà delle emissioni di monossido di carbonio e ossido di azoto;
  • Incendi controllati in agricoltura e gestione forestale. In Brasile, questa pratica è responsabile di circa il 75% delle emissioni di anidride carbonica;
  • Aerosol, vernici, lacche per capelli e altri solventi;
  • Decomposizione dei rifiuti organici, che genera metano;
  • Emissione di ammoniaca mediante l'utilizzo di fertilizzanti;
  • Attività mineraria.

Effetti dell'inquinamento atmosferico

L'inquinamento atmosferico può avere un impatto enorme in due grandi aree: la salute umana e l'ambiente. Tra i principali effetti dell'inquinamento atmosferico vi sono le malattie respiratorie e i problemi ambientali.

Effetti dell'inquinamento atmosferico sulla salute umana

  • Irritazione alla gola, al naso e agli occhi;
  • Difficoltà respiratorie;
  • Tosse;
  • Sviluppo di problemi respiratori;
  • Peggioramento del cuore o problemi respiratori, come l'asma;
  • Diminuzione della capacità polmonare;
  • Maggiore possibilità di attacchi di cuore;
  • Sviluppo di diversi tipi di cancro;
  • Danni al sistema immunitario;
  • Danni al sistema riproduttivo.

Ambiente

Gli impatti sull'ambiente dipendono dal tipo di inquinamento atmosferico e arrivano su scala globale. Tra i principali effetti dell'inquinamento atmosferico sull'ambiente ci sono:

Pioggia acida

Provoca l'acidificazione dell'atmosfera. Nei corpi idrici, fornisce l'acidificazione dell'acqua, causando la morte dei pesci, e nei suoli provoca un cambiamento nelle sue proprietà fisico-chimiche. Nelle foreste, gli alberi sono danneggiati dalle piogge acide, così come gli edifici e le strutture della città che possono essere corrosi. Per questi motivi, diversi paesi hanno iniziato a intraprendere azioni per ridurre gli effetti delle precipitazioni acide, come la riduzione della quantità di zolfo presente nei combustibili.

Diminuzione dello strato di ozono

L'ozono stratosferico forma uno strato che protegge la vita sulla Terra dall'emissione di raggi ultravioletti. Tuttavia, con la loro distruzione dovuta alle sostanze chimiche rilasciate nell'atmosfera dall'umanità, questi raggi sono in grado di passare attraverso lo strato, il che provoca un aumento della quantità di radiazioni UV, aumentando, nell'uomo, il rischio di sviluppare il cancro della pelle e altri problemi. I raggi ultravioletti danneggiano anche l'agricoltura, perché alcune piante, come la soia, sono sensibili a questo tipo di radiazioni.

Oscuramento dell'atmosfera

Con l'inquinamento atmosferico, la chiarezza e la visibilità si riducono. Questo effetto interferisce con il processo di evaporazione dell'acqua, perché le nuvole formate assorbono il calore emesso dal sole, un fatto che può mascherare il riscaldamento globale.

Effetto serra

L'effetto serra stesso è un processo fondamentale per la vita sulla Terra, poiché mantiene caldo il pianeta. Ma ci sono teorici che sostengono che il significativo aumento delle emissioni di gas serra, associato ad altre azioni promosse anche dall'attività umana, come il disboscamento delle foreste, sono determinanti nello sbilanciamento del processo, generando una maggiore ritenzione energetica e aumentandone l'effetto serra, con il riscaldamento della bassa atmosfera e un aumento della temperatura media del pianeta e possibili distorsioni ambientali. Il riscaldamento globale è diventato uno dei maggiori problemi sulla Terra, con effetti che possono essere catastrofici.

Eutrofizzazione

I vari tipi di inquinamento atmosferico finiscono per depositarsi nei corpi idrici per precipitazione, provocando un cambiamento dei nutrienti presenti in questi sistemi. Alcune alghe possono essere stimolate in presenza di inquinanti come l'azoto, che ne provoca lo sviluppo e una conseguente diminuzione della quantità di ossigeno disciolto nell'acqua, portando alla morte dei pesci.

Effetti sugli animali

Come gli esseri umani, gli animali soffrono di problemi di salute causati dall'inquinamento atmosferico.

Indice di qualità dell'aria

L'indice di qualità dell'aria definisce il limite massimo per la concentrazione di un determinato inquinante nell'atmosfera. Questo limite di concentrazione è un valore standardizzato, che varia a seconda dell'agenzia o dell'entità che lo definisce. Il suo obiettivo è informare la popolazione sulla qualità dell'aria in una data regione in un linguaggio accessibile. Le misurazioni vengono effettuate presso stazioni di monitoraggio che misurano la concentrazione di inquinanti, in particolare la concentrazione di ozono e particelle a livello del suolo. Generalmente questo Indice di Qualità dell'Aria è reso disponibile in tempo reale presso la stazione di monitoraggio dall'agenzia che si occupa della sua misurazione nella regione. In Brasile, gli standard sono stati istituiti dall'Istituto brasiliano per l'ambiente e le risorse naturali rinnovabili (Ibama) e approvati dal Consiglio nazionale dell'ambiente (Conama), attraverso la Risoluzione 03/90 di Conama.

Suggerimenti su come contribuire alla riduzione dell'inquinamento atmosferico

Tutto ciò che consumiamo o facciamo lascia una traccia sul pianeta. Pertanto, abbiamo separato alcuni semplici suggerimenti per ridurre il tuo impatto sull'inquinamento atmosferico:

  • Cerca di non usare la macchina per spostarti. Andare a lavorare nel trasporto pubblico o utilizzare un mezzo di trasporto alternativo, come le biciclette, sono azioni che riducono notevolmente il tuo contributo all'emissione di inquinanti;
  • Spegni le luci, la TV e il computer quando esci di casa. Risparmiare energia, poiché la sua produzione contribuisce al riscaldamento globale;
  • Consumare prodotti di produzione locale, questo ridurrà notevolmente le emissioni inquinanti dal trasporto dei prodotti;
  • Prova a riciclare i tuoi rifiuti domestici, riducendo così il consumo di energia e materie prime necessarie per realizzare nuovi prodotti. Controlla i punti di raccolta differenziata più vicini alla tua residenza;
  • Scegli prodotti da aziende con responsabilità ambientale.